Alessandra Centonze

Far brillare i mille colori celati nel cuore di ogni donna è il mio obiettivo come insegnante

Direttrice artistica di Metiss’Art Danza Arte e Benessere dal Mondo, insegnante, coreografa e performer di Danza Duende, Danza Orientale, Danze Berbere, Giri . Guida di Meditazione e Shamata Vipassana nel lignaggio Shambhala.

Convinta che la danza possa essere per le persone un potente percorso di consapevolezza e apertura creativa alla vita, nel suo lavoro propone una danza femminile, elegante e forte, fresca e spontanea, alla costante ricerca dell’autenticità  nel gesto e della generosità nell’espressione personale.

danzaduende_milano_

Oriental Duende

Dettagli
DanzaOrientale_1080

Danza Orientale (Danza del Ventre)

Dettagli
OrientalDuendeBW_1080

Danza Duende

Dettagli
DanzeBerbere_Square

Danze Berbere e Danze del mondo arabo

Dettagli
MeditazioneShambhalaTraining_Square

Meditazione Shambhala Training

Dettagli
tribal_emozionale_corso

Formazione allo spettacolo

Alessandra ha insegnato a Milano dal 2000 presso centri specializzati nella diffusione delle danze etniche ( Circolo Zagharid, Area Terra, Les Soeurs Tribales, Il Mosaico).

Dal 2008 è la principale insegnante di Metiss’Art Danza Arte e Benessere dove tiene corsi di Danza Duende, Danza Orientale e Danze Berbere.

Tiene workshop di Oriental Duende e danze del mondo arabo in Italia, Spagna e Portogallo ospite di festival ed eventi a carattere culturale-divulgativo.

Alessandra è praticante e guida di meditazione del lignaggio Shambhala di Sakyong Mipham Rinpoche.

Come coreografa e performer, in collaborazione con altri artisti crea produzioni teatrali e spettacoli musicali presentati in Italia e all’estero.
Kikiensemble (2001), Al Balad (2003), Oriental Fusion (2005), Devota (2007), Corpo a Corpo (2010), Eranse una vez 5 mujeres (2011), Interno Mare (2012), Sensation Seeker (2012).

Prende parte a rassegne nazionali e internazionali dedicati alle Danze Etniche. I più recenti: Festival Berbero, Milano edizioni dal 2010 al 2013 – Stelle d’Oriente, Torino 2008 – Solsticio de Verano Girona (Spagna) 2008 – Festival de la Costa del Sol, Malaga (Spagna) 2009 e 2010 – Festival della Via della Seta, Venezia 2010 – Festival Internazionale della Danza Duende, Serpa (Portogallo) 2010 e 2013 – Nomad Dance Fest, Milano 2011 e 2012 – Festival dell’Oriente, Carrara 2013.

Nel 2007-2008 è coproduttrice e direttrice artistica del festival internazionale di danze etniche contemporanee Etnosfera.
Nel 2008 è cofondatrice e direttrice artistica di Metiss’Art, associazione per la promozione e diffusione delle danze etniche di espressione contemporanea e scuola di danza in Milano, fra le prime in Europa prima ad adottare un approccio olistico e interdisciplinare nell’insegnamento delle danze del mondo.
Nel 2009-2010 come danzatrice della compagnia internazionale Amazonas, presenta lo spettacolo Eranse una vez 5 mujeres in Spagna e in Italia.
Nel 2010 fonda e dirige la prima compagnia di Oriental e Free Duende in Italia, Ondakini
Nel 2010-2012 è produttrice del primo Festival Italiano di Danza Duende Porte Aperte al Duende
Nel 2012 lancia il progetto DanzaMi portando le danzatrici di Metiss’Art nella città  e creando spettacoli interattivi nei luoghi storici.
Con il nome di Malika Ferhat in collaborazione con l’omonima compagnia e i musicisti del Kikiensemble, da più di dieci anni collabora alla diffusione delle danze berbere algerine di tradizione Cabila.

Formatasi nella danza moderna, dedica gli ultimi venti anni alle danze tradizionali e contemporanee del mondo arabo.

E’ iniziata alla danza orientale da Yumma Mudra (all’epoca conosciuta come Myriam Szabo) a Lisbona nel corso di un anno di scambi universitari Erasmus.

Tornata a Milano approfondisce la danza orientale egiziana secondo l’approccio tradizionale e rigoroso di Jamila Zaki presso il Circolo Zagharid . Studia con Jamila molti anni diventando sua assistente, danzatrice della sua compagnia professionale e completando con lei la formazione all’insegnamento.

Apprende molto sulla cultura e la musica nel mondo arabo collaborando attivamente con musicisti fin dall’inizio della sua carriera, frequentando i corsi di cultura araba dell’ISIAO (Istituto Studi Internazionali Africa e Oriente) di Milano e animando le festività  e le celebrazioni promosse dall’associazione dei Berberi di Milano (Tamazigh).

Diviene in seguito allieva di Sabina Todaro, che con il suo speciale lavoro corporeo sul flamenco e la Danza Egiziana Conteporanea (Hilal Dance) la porta a sviluppare una danza olistica, basata sulla piena consapevolezza del sentire, sul piacere del movimento, al ritmo interno del respiro.

Questa ricerca artistica, ormai sempre più personale, sull’origine della forma la porta sulla strada della Danza Duende, che propone di scoprire nella presenza nel corpo e nella consapevolezza dello spazio la possibilità  di lasciare emergere il nostro potenziale intrinseco per vivere la danza come atto della vita quotidiana e la vita quotidiana come danza.
Con l’approccio della Danza Duende la forma della Danza Orientale diviene per Alessandra un linguaggio espressivo del qui e ora, un’esplorazione del femminile sacro da curare e raffinare con amore perchè sia il più ricco possibile, ma non più necessariamente legato ad un popolo e ad un’area geografica. Frequenta le formazioni intensive di Yumma Mudra in Belgio, India, Spagna e Portogallo.

Approfondisce la pratica di consapevolezza attraverso la danza con la meditazione nel lignaggio Shambhala di Sakyong Mipham Rinpoche e Chogyam Trungpa Rinpoche, scuola conosciuta per l’approccio contemporaneo e urbano alla pratica e per gli studi sulla relazione fra mente e atto creativo (Dharma Art). Pratica e frequenta ritiri di gruppo guidati dagli insegnanti in Europa e negli Stati Uniti.

E’ laureata in diritto internazionale con tesi sui diritti delle minoranze nazionali.
Parla francese, inglese portoghese e spagnolo.

 

 

Insegnanti principali:
Danza orientale egiziana: Wael Mansour,Jamila Zaki, Mahmoud Reda, Zaza Hassan, Yousrey Sharif, Hassan Afifi, Rakia Hassan, Mo Geddawi, Aziza Abdul Ridha e molti altri;
Danza egiziana contemporanea (Hilal Dance): Sabina Todaro, Suraya Hilal e Alessandro El Bascioni;
Danze del Maghreb tradizionali e contemporanee: Arezki Darani, Elhadi Cheriffa e le donne della comunità  Cabila di Milano;
Darbouka: Emanuele Le Pera e Ibrahim El Mynawi;
Cultura araba: corso triennale dell’Isiao (Istituto Studi Africa e Oriente) dell’Università degli Studi di Milano;
Cultura berbera: Associazione Tamaszigh.
Danza Duende: Yumma Mudra, Liliane Viegas, Carolina Fonseca, Monica Roncon.
Meditazione: Chogyam Trungpa Rinpoche,Sakyong Mipham Rinpoche, Daniele Bollini, Adam Lobel, Mathias Pongcraz,Cara Thonley, Sara Kapp, Brian Hilliard.